All’ENIT di New York presentato il Festival 2010/Verdi tra terre e sapori di Parma

di Francesca Forzan

E' stato presentato giovedì 8 aprile a New York, alla sede dell'Italian Government Tourist Board, il celebre  festival italiano dedicato a Giuseppe Verdi che si terrà a Parma e dintorni dall' 1 al 28 ottobre prossimo. Conosciuto in tutto il mondo, il Festival ogni anno celebra il compositore emiliano nei giorni dell'anniversario della sua nascita (Verdi è nato a Busseto, provincia di Parma, il 10 ottobre del 1813).

In questa edizione 2010, l'omaggio al Grande Maestro non sarà soltanto attraverso la musica ed i concerti, ma anche con una serie di eventi ed incontri che per l'intero mese di ottobre coinvolgeranno i parmigiani e i turisti che da tutto il mondo arrivano in questo periodo nella città emiliana e che da qui si spostano per seguire gli appuntamenti programmati nelle zone vicine. Coinvolte nell'iniziativa infatti saranno anche altre cittadine vicine a Parma, ma soprattutto i loro teatri. Alcune delle rappresentazioni concertistiche si terranno in teatri come il "Valli" di Reggio Emilia, dove sono in programma due appuntamenti con l' opera contemporanea, il "Verdi" di Busseto e il "Magnani" di Fidenza, con "Attila" e il "Teatro Comunale" di Bologna dove verrà eseguita "La Traviata". Al Teatro Regio di  Parma, invece, si comincia il primo ottobre con "Il Trovatore" per proseguire poi con "I vespri siciliani". E' anche grazie a questa organizzazione "decentrata" che coinvolge oltre che la sua città natale anche le cittadine che hanno resa famosa la vita di Verdi, che il Festival, diventato punto di riferimento internazionale per questo genere di musica, richiama turisti da ogni parte del mondo, innamorati della musica, ma anche di quello che sa offrire questa terra. In quest'iniziativa, all'arte della musica si sposano infatti anche le caratteristiche del territorio con le sue peculiarità, la sua storia, la cultura, l'apetto gastronomico.

Parma infatti non è solo la città di Giuseppe Verdi, è anche la città del Parmigianino, celebre pittore del ‘500, è stata la capitale dell'omonimo Ducato di parma e Piacenza dal 1545 al 1859, è sede di importanti università e scuole; è inoltre la sede dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, oltre che di musei e importanti gallerie d'arte.

Ma Parma è anche la città del famoso prosciutto crudo, del formaggio Parmigiano Reggiano, delle multinazionali della pasta e dei pomodori, della Via Francigena, delle terme. La presentazione del Festival, fatta con così largo anticipo giovedì scorso a New York, è stata un'occasione per sollecitare i turisti americani, da sempre grandi affezionati di Verdi e dell'opera, ad acquistare i biglietti con anticipo e a considerare anche le ipotesi di viaggio offerte, tra gli altri tour operator, anche da Parma Incoming società che raggruppa numerosi hotel di Parma e che, proprio giovedì a new York, ha presentato le sue nuove proposte per viaggio di gruppo per legate a questa iniziativa. "ll Festival di Verdi, sarà una festa di compleanno lunga un mese, ha commentato Giancarlo Liuzzi direttore della comunicazione per il Teatro Regio di Parma, in cui dalla mattina alla sera, nei teatri, nelle strade, e dappertutto, si celebrerà un uomo, com'è stato Giuseppe Verdi, che per i parmigiani è un uomo di casa, comune tra la gente e tra chi lo ha sempre amato".