SPECIALE/MUSICA/Chiaroscuro con Fresu alla Columbia

di Samira Leglib

Dopo l’apertura del tour al Regattabar di Boston per presentare il nuovo album Chiaroscuro uscito il 16 Marzo, il duo composto dal veterano della chitarra Ralph Towner e la perla del jazz italiano Paolo Fresu, si è esibito all’Italian Academy della Columbia University lo scorso mercoledì.
Il concerto ha registrato il tutto esaurito e tra il pubblico era facile individuare appassionati della musica oltre agli stessi musicisti – inconfondibile quel peculiare modo di ‘leggere’ la musica che si agita sul palco, nello special caso il jazz, che si costruisce così come si formula una frase: grammatica, punteggiatura, significato.

Ralph Towner e Paolo Fresu sono uno di quegli accoppiamenti che nella musica “funzionano”, tra loro la sintonia è tangibile e le note scorrono da uno strumento all’altro come la passeggiata pomeridiana con l’amico di vecchia data. Towner incontra per la prima volta Fresu a un festival in Sardegna, quindici anni fa. A Towner fu commissionato di comporre la musica per un’orchestra locale, Fresu ne era il trombettista. Quando il chitarrista americano lo ascoltò suonare la sua musica pensò: “Questo ragazzo capisce sul serio le melodie!”
Paolo Fresu nasce a Berchidda, Sardegna, nel 1961. Inizia a studiare musica, inizialmente leggera, all’età di undici anni suonando anche nella banda del paese. Nel 1980 scopre il Jazz e in breve diventa presenza costante al top di tutte le classifiche. Nel 1988 fonda –e da allora ne è l’organizzatore- il Festival Time in Jazz che si svolge ad agosto nel suo paese natio. Nel 2001 riceve il Premio Django d’Or francese come miglior musicista internazionale e nel 2005 viene nominato per il Latin Grammy Awards di Santa Monica, California. Attualmente vive tra la Sardegna, Parigi e Bologna.

Anche Ralph Towner, nato nel 1940 a Chehalis (WA), inizia suonando la trombetta e il corno francese ma prosegue poi la sua carriera nel jazz come pianista e chitarrista. Per la fine degli anni Sessanta aveva già collaborato con un vasto numero di musicisti, da Freddie Hubbard a Tim Hardin, da Stan Getz a Airto Moreira e contribuì alla fondazione della banda Oregon, ancora attiva dopo più di tre decadi.
L’album Chiaroscuro fu registrato a Udine nell’ottobre del 2008 e comprende il brano “Punta Giara” suonato quella sera di tanti anni fa in Sardegna che sancì l’incontro tra i due artisti, il suggestivo “Sacred Place”, in ben due versioni, e “Doubled Up” che mette in risalto la chitarra baritona di Towner accordata un quinto al di sotto rispetto a quella classica consentendo al chitarrista estrema libertà e flessibilità. L’album contiene inoltre due improvvisazioni, “Two Miniatures” e “Postlude”, eseguite con la chitarra a 12 corde in cui a ciascuna delle 6 corde usuali ne è affiancata un’altra accordata all’ottava superiore, fatta eccezione per le prime due, accordate all’unisono.

La serie di concerti all’Italian Academy continua con l’orchestra Talea che il 29 Marzo alle 8pm presenta: “Suggestioni: Out of Italy”. Ingresso libero.