AL LINCOLN CENTER LA RASSEGNA DEI SUOI FILM/Un attore di fuoco e ghiaccio

di Natasha Lardera

La Film Society del Lincoln Center celebra il lavoro dell'attore italiano Toni Servillo, in città con "La Trilogia della Villeggiatura", con la rassegna "Fire and Ice" - Toni Servillo on Screen and in Person che si aprirà il 27 luglio per poi concludersi il 29.

«Servillo porta sullo schermo tutto l'inusuale» dichiara Richard Peña, direttore della programmazione della Film Society, «Ritrae quell'intensità interna che non spesso si vede in un mezzo così visivo. Anche nelle situazioni più frenetiche, Servillo riesce a portare un senso di calma, una qualità sfruttata al massimo, per esempio, da Sorrentino ne Il Divo, dove il personaggio di Andreotti lascia che siano gli altri a recitare per lui. Quando lui è sullo schermo non riesci a togliergli gli occhi di dosso non perchè stia dominando fisicamente la scena ma perchè sembra che stia li nascondendoci qualcosa, e questo lo rende molto subdulo ed interessante».
La rassegna presenta quattro film, tra cui Il Divo, considerato dalla stampa americana ed internazionale un vero e proprio capolavoro. Gli screening si tengono al Walter Reade Theater al 165 West 65 Street (www.filmlinc.com)

Il Divo
di Paolo Sorrentino
A Roma c'è un uomo che da 60 anni la notte non dorme, ma lavora, scrive e prega. Quest' uomo che rappresenta il potere da oltre 40 anni, sette volte Capo del Governo, otto volte Ministro della Difesa, cinque volte Ministro degli Esteri, due volte Ministro delle Finanze, del Bilancio e dell'Industria, una volta del Tesoro, dell'Interno e delle Politiche Comunitarie. Un uomo che è il principale "enigma" italiano dal dopoguerra ad oggi, un vero Divo della politica di questo paese... Giulio Andreotti. Il film porta sullo schermo solo una parte della vita del Senatore a vita, dalla fine del suo settimo governo, aprile 1992, alla vigilia del processo di Palermo, dove fu rinviato a giudizio per associazione mafiosa.
27 luglio, 6.00 pm (Servillo fara un'apparizione)
28 luglio, 9.00 pm

Gomorra, di Matteo Garrone
Tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano, Gomorra racconta gli intrecci tra Camorra, comune delinquenza e popolazione locale in alcune cittadine della provincia di Caserta. Dalla ricettazione allo spaccio, passando per furti e rapine, tutto gravita intorno allo stesso potere più o meno occulto e penetrante. Servillo nel ruolo di un uomo che si occupa delle merci ormai morte che sotto forma di scorie chimiche, morchie tossiche, fanghi, addirittura scheletri umani, vengono abusivamente “sversate” nelle campagne campane, dove avvelenano, tra gli altri, gli stessi boss che su quei terreni edificano le loro dimore.
28 luglio 6.15 pm; 29 luglio 8.20 pm

La Ragazza del Lago di Andrea Molaioli

Tratto dal romanzo della norvegese Karin Fossum, questo film si apre con il ritrovamento del cadavere di una giovane donna, annegata in un lago della provincia friuliana. Sulla morte misteriosa di Anna, studentessa e giocatrice di hockey, indaga il commissario Giovanni Sanzio (Servillo), padre ruvido e introverso, affetto da una dermatite atipica e dimenticato dalla consorte che soffre di una malattia degenerativa del sistema nervoso.
27 luglio, 9.00 pm; 29 luglio 4.15 pm

Le Conseguenze dell’Amore
di Paolo Sorrentino

In un anonimo albergo di una qualsiasi cittadina svizzera vive da otto anni Titta Di Girolamo (Servillo) - non lavora, trascorre le giornate tra la hall e il bar dell’hotel, indossa abiti eleganti, non ha amici e non tradisce nessuna emozione. La sua è una routine infinita fatta di giorni uguali a se stessi nella spasmodica attesa di qualcosa.
28 luglio 4.00 pm; 29 lulgio 6.10 pm