SPECIALE/ CULINARIA/ Ricette di nonna online

di Mila Zara

Se le casalinghe statunitensi hanno un appuntamento televisivo giornaliero con la Lidia o la Giada, non c'è da disperarsi per quelle on the run e tutte blackberry. Per loro è arrivato Cooking with Nonna, programma di cucina online in inglese condotto da Rossella Rago (http://www.cookingwithnonna.com/), inaugurato lunedi 15 con ricette della Regione Puglia proposte da Nonna Anna Buonsante.
Il website è davvero "appetibile". Deliziarsi e deliziare con i suggerimenti di un tempo, quelli autentici che la nonna si è portata dietro venendo in America e che rendono indimenticabili gli incontri tra cugini e zii, è questa l'idea che supporta l'intero progetto. Facile risposta alle richieste di autentiche ricette italiane, Cooking with Nonna è alla ricerca di nuovi volti che vogliano raccontarsi attraverso la propria cucina regionale ma soprattutto locale. Alcune timide, altre entusiaste e spigliate, le nonne italo-americane sembra già stiano facendo la fila fuori la cucina di casa Rago, per poter registrare gli episodi destinati alla rete.
Neolaureata in Letteratura Italiana, bella e intelligente, Rossella crede nell'importanza di trasmettere antichi valori e sapori italiani attraverso le nonne di tutto il mondo. «Le Grandama sono figure storiche nella tradizione familiare del Bel Paese, da sempre adorate da figli e nipoti per il calore e l'affetto che da sole sanno dare» - sostiene la Rago. Figlia d'arte e aspirante star televisiva, già nota al mondo dello spettacolo e del grande schermo americano, Oggi7 l'ha incontrata nel distretto teatrale per farsi raccontare del suo progetto, accompagnata dal padre e dalla effervescente madre-personaggio, Angela, al ritorno da un provino.
Chi è Rossella Rago?  
«Ho 21 anni e questa primavera mi sono laureata in Letteratura con specializzazione in Italiano alla St. Johns University. Sono bilingue e - aggiunge fiera- parlo anche il dialetto di Mola di Bari, un paese di pescatori della Puglia, dove sono nati i miei genitori. Sono membro della Screen Actor Guild e dell'American Federation of Television and Radio Artists dall'età di 10 anni. Ho fatto numerose comparse in film e serie televisive, incluso il film Confessions of a Shopaholic, 13 Going on 30 e I Sopranos. Ho anche partecipato a numerosi concorsi di bellezza italo-americano, vincendo il titolo di Miss Mola USA nel 2003 e Miss Idea USA nel 2005 (www.RossellaRago.com).
Ho un fratello, Leonardo, che si è appena laureato in Giurisprudenza a Philadelphia, dove vive. Ho pochi ma buoni amici e vivo da sola da un anno, nel mio appartamento, che non lascerei mai».
Cosa rappresenta per te la cucina italiana?
«Sono cresciuta in cucina, con mia nonna, mia madre e le mie zie che parlavano e si divertivano. Non mi era consentito toccare ma il mio ruolo è sempre stato quello dell'assaggiatrice. La cucina rappresenta per me, così come per tanti altri italiani, lo stare in famiglia, socializzare con gli altri. Vivo al di sopra di una pasticceria italiana nel cuore di Brooklyn, quartiere dove si possono trovare autentici prodotti italiani».
Com è nata l'idea di "Cooking with Nonna"?
«Amo la cucina di mia nonna, con la quale sono cresciuta e ho vissuto per tre anni, prima di andare a vivere da sola lo scorso anno. L'idea è venuta quasi per scherzo con mio padre, lo scorso febbraio, mentre eravamo nel suo scantinato, a Brooklyn. Mio padre mi chiese qual era, secondo me, il lavoro più bello al mondo che avrei desiderato fare. La mia risposta fu: "un programma televisivo o online con le nonne di tutta Italia per tramandarne le ricette a tutti perchè il cibo è il motore della vita". Una settimana dopo mio padre comprò il dominio Cooking with Nonna e dopo un anno siamo qui a parlarne».
Cosa ha reso quell'idea fattibile?
«Cooking with Nonna nasce dal mio amore per la cucina, per mia nonna e l'investimento di mio padre in un progetto che si è potuto concretizzare grazie all'ausilio di Internet e i social network, accanto all'uso dei tradizionali canali di comunicazione. Dall'altro, ci hanno aiutato le nonne, che finalmente vogliono venire allo scoperto».
Qual è il messaggio che intendi lanciare con Cooking with Nonna?
«Vorrei che tutti capissero che stare con la nonna non è tempo sprecato. Invito tutte le nonne a scriverci per condividere con noi tutti i loro preziosi segreti per una buona e sana cucina italiana. Spero di ispirare non solo le nonne, ma anche le giovani donne di tutto il mondo».
Quanto ti ha aiutato il fatto di essere una "figlia d'arte"?
«Sicuramente il fatto di essere figlia d'arte mi ha agevolata tanto. Sono stata fortunata.  Recito infatti dall'età di 10 anni, quando interpretavo ruoli insieme a mio fratello Leonarado per le commedie della compagnia teatrale fondata dai miei genitori. Mia madre è il vulcano della famiglia. Fu sempre lei a suggerire a mia nonna, allora 70enne, di presentarsi all'audizione per un provino televisivo. Mia nonna fu scelta per una pubblicità televisiva su FoodChannel e, per registrarla, trascorse due settimane a Capetown, in Africa. Da lì, cominciò la sua carriera come attrice».
Progetti futuri?  
«Amo recitare e sogno il cinema, la TV. Mi auguro che il programma abbia successo e, chissà, un giorno potremmo realizzarne un format televisivo.
Adesso che mi sono laureata, lavoro a tempo pieno ai contenuti e alla realizzazione dei "webepisodi". La cucina dei miei genitori, che vivono in New Jersey, è divenuta la stazione da cui facciamo le registrazioni ogni weekend. Ogni nonna registra almeno due episodi che vengono trasmessi settimanalmente. Ci divertiamo e a volte la troupe e le nonne rimangono anche a dormire a casa. È bello ma questo è solo il punto di partenza».