Musica classica \ Al via “Mozart e l’Italia”

La musica mi piace, se piace al pubblico non so": la modesta considerazione è un estratto delle parole scritte in italiano dal giovane Mozart in calce a una lettera da Milano del 1773. L'epistola fa parte di un gruppo di lettere dall'Italia di Wolfgang e del padre Leopold che verranno messe online dal Comune di Milano che, insieme alla città di Augusta e al King's College di Londra, si è aggiudicata il bando cultura 2009 dell'Unione Europea per il progetto "Mozart e l'Italia", promosso dall'Associazione internazionale European Mozart Ways.

Il progetto "Mozart e l'Italia", che si svilupperà nei prossimi due anni, inizierà il prossimo giugno con la pubblicazione sul web e in versione multilingue delle lettere italiane del compositore austriaco che in Italia viaggiò per tre volte tra il dicembre 1769 e il marzo 1773, cioè quando l'artista aveva tra i 13 e i 17 anni.
Tre occasioni per altrettante tappe di un Grand Tour che lo portarono in giro per l'Italia e a contatto con numerosi personaggi delle arti. Una ricchezza di incontri, luoghi e opere che Mozart riportò nelle sue epistole e che si potranno ricercare sul database che verrà allestito dal primo giugno all'interno del portale web dell'Emw.

L'iter del progetto prevede la pubblicazione iniziale delle 114 missive italiane dirette alla madre Maria Anna e alla sorella Nannerl, per poi estendersi a tutta l'immensa mole epistolaria mozartiana fatta di circa 1.400 lettere. Un'anteprima di quanto sarà disponibile su internet si potrà guardare dal vivo nella Galleria del Settecento della Scala. Un'esposizione eccezionale di alcune lettere dell'artista dell'Internationale Stiftung Mozarteum, con due missive in originale, che si aggiungono alla mostra in prima mondiale, sempre al Museo teatrale alla Scala, della Collezione Hagenauer, che comprende un ritratto inedito dell'artista.

 

Un'immagine ad olio, risalente agli anni 1783-85 e attribuita al pittore viennese Joseph Hickel, che è al vaglio degli esperti per stabilirne l'autenticità e arricchire eventualmente la scarsa iconografia mozartiana. L'immagine è quella di un uomo in parrucca grigia e giacca rossa, visto nel suo profilo sinistro.
Il progetto "Mozart e l'Italia", che costerà 400 mila euro cofinanziati al 50% dall'Ue, prevede poi un simposio e due concerti speciali che si inseriranno nell'edizione 2010 del Festival di Augusta.