SPECIALE/TURISMO/Meno americani a Roma

di Patrizia Lanzarini

Le presenze degli americani a Roma a febbraio, rispetto allo stesso mese del 2008, sono state oltre 23 in meno. Lo ha reso noto il presidente dell'ente bilaterale Turismo Lazio (Ebtl), Giancarlo Mulas, a margine della conferenza regionale del turismo “Uniti contro la crisi”.

Mulas ha parlato di "una contrazione di flussi turistici americani a Roma e provincia del 17% a febbraio 2009" e di proiezioni non positive per il mese di marzo "in cui è prevista una riduzione del 24%. Questi dati - ha spiegato - ci preoccupano moltissimo perché il mercato americano assorbe il 30% dell'intero movimento turistico straniero. E la sua contrazione colpisce particolarmente le categorie superiori degli alberghi, come i cinque stelle".

Il presidente dell'Ebtl ha illustrato i dati di arrivi e presenze dei turisti americani a Roma: 37.657 arrivi a febbraio 2009 a fronte di 45.464 nello stesso mese del 2008; 108.286 presenze nel 2009 a fronte di 131.437 nel 2008. A ridursi non è stato solo il turismo americano ma anche quello cinese e coreano che, sempre a febbraio del 2009 si è contratto rispettivamente del 16% e del 18% rispetto allo scorso anno; "questi numeri ci preoccupano di meno - ha concluso Mulas - perché i turisti cinesi e coreani sono qualche decina di migliaia in tutto e perché è prevedibile un recupero nei prossimi mesi".

Un flusso di passeggeri per il "ponte" di Pasqua oltre le attese vista la congiuntura economica mondiale, un cauto ottimismo per la prossima festività del 1 maggio e, più in generale, per la stagione estiva. Il termometro del turismo, dall'osservatorio dell'aeroporto di Fiumicino, ha di nuovo imboccato il segno positivo: oltre 780 mila passeggeri tra arrivi e partenze dal 6 al 13 aprile, con punte giornaliere anche superiori ai 100 mila viaggiatori.

Significativa la ripartizione delle destinazioni: mezzo milione di passeggeri su rotte internazionali, di cui poco più di 300 mila all'interno dell'Unione Europea, e 280 mila su quelle domestiche. "Dopo un momento abbastanza pesante tra dicembre e gennaio - conferma il direttore Enac di Fiumicino, Vitaliano Turrà - c'è stato un primo accenno di ripresa del traffico, che si è concretizzato con un buon periodo pasquale. Ora ci auguriamo che altrettanto avvenga per il ponte del Primo Maggio".

Il sottosegretario al Turismo Michela Vittoria Brambilla guarda con "ottimismo" alla imminente stagione estiva: "Le nostre previsioni - ha spiegato intervenendo ai lavori di una conferenza sul Turismo della Regione Lazio - lasciano ben sperare per l'estate prossima. Confidiamo soprattutto - ha sottolineato - nel ripetersi delle strategie adottate finora dal nostro turismo, che nei mesi scorsi ha evidenziato una buona dose di elasticità per affrontare ogni singolo ambito".
Tuttavia, ha osservato il sottosegretario, "è evidente che è necessario adottare da subito anche strategie territoriali capaci di mettere insieme pubblico e privato, un miglior uso di internet e un più alto grado di specializzazione".

Un tavolo tecnico con Alitalia finalizzato al rafforzamento degli asset strategici a livello di collegamenti legati ai flussi turistici, in primo luogo con l'Asia, è stato attivato pochi giorni fa presso il dipartimento per il turismo della presidenza del Consiglio dei Ministri. È quanto ha annunciato il sottosegretario Brambilla, intervenendo alla conferenza del turismo del Lazio.

"Sull'attività del tavolo tecnico ho trovato - ha affermato Brambilla - una buona disponibilità da parte dell'amministratore delegato di Alitalia, Rocco Sabelli, e più in generale dell'area marketing della compagnia aerea. Con il management di Alitalia - ha proseguito - stiamo identificando nuove rotte per i collegamenti con il nostro paese, segnatamente per quanto riguardo Nord America, Stati Uniti, Gran Bretagna, Svizzera, Germania e Austria.

Naturalmente stiamo lavorando anche su progetti che riguardano il Brasile, l'India, la Corea e la Cina. Da parte di Sabelli - ha detto ancora Brambilla - è stata espressa disponibilità ad organizzare voli ad hoc legati a grandi eventi internazionali".