Commovente Duo Aonzo Buttiero

di Laura Lesevre

Si è tenuto mercoledì 25 marzo a Filadelfia il concerto per mandolino e clavicembalo del Duo composto dai musicisti liguri Carlo Aonzo ed Elena Buttiero. Il Duo ha suonato nella suggestiva cornice del tempio ebraico Temple Beth Zion- Beth Israel come ospite del concerto della Amerita Chamber Players, il gruppo cameristico della America Italy Society di Filadelfia. L’orchestra, composta da membri della Philadelphia Orchestra e nota per l’esecuzione di sola musica barocca italiana, si esibisce annualmente in tre concerti durante i quali vengono ospitati anche musicisti esterni. Il concerto del 25 marzo è stato dedicato alla memoria della signora Price, moglie del Presidente della America Italy Society, deceduta sabato 21 marzo.

L’orchestra, visibilmente toccata dal triste evento, ha eseguito brani di autori italiani del XVII e XVIII secolo per archi, clavicembalo e flauto. Il Duo Aonzo-Buttiero ha suonato pezzi originali per mandolino di autori attivi nell’area bolognese, romana e napoletana all’inizio del 1700. Il concerto di Filadelfia è stato un successo: il pubblico, vasto e molto attento, ha mostrato grande apprezzamento per la possibilità di ascoltare musica di così alto livello dal vivo. Grande interesse ha poi suscitato il mandolino di cui pochi conoscono le grandi potenzialità e che sono state valorizzate appieno dai due musicisti. Il pluripremiato mandolinista Aonzo è stato accompagnato con grande maestria dalla pianista Buttiero con cui costituisce un duo perfettamente affiatato e già noto a livello internazionale.

Il concerto di Filadelfia rappresenta infatti la penultima tappa di un più vasto tour che i due musicisti italiani hanno intrapreso all’inizio di marzo e che si è concluso venerdì 27 marzo a New York presso il Barge Music al Fulton Ferry Landing di Brooklyn. Il tour, scandito da numerose tappe in Nord America (Pittsburgh, Baltimora, Providence, Caldwell e Filadelfia) e una in Canada (Montreal), è stato realizzato per promuovere l’ultimo cd del Duo, "Il Mandolino Italiano nel Settecento", uscito in Italia lo scorso ottobre.

La presenza dei due musicisti a Filadelfia é stata resa possibile dalla Amerita Chamber Players che ha generosamente ospitato i due musicisti e dal Consolato Generale d’Italia a Filadelfia che si è attivamente impegnato affinché il Duo suonasse anche in questa città, originariamente non inclusa tra le tappe del tour. Il grande interesse del Consolato per il duo Aonzo-Buttiero si é concretizzato, oltre che nella sponsorizzazione del concerto del 25 marzo a Filadelfia, anche nel pieno sostegno ai concerti precedenti a Pittsburgh e Baltimora in collaborazione con i Consolati Onorari d’Italia delle due città americane. Il Console Generale Luigi Scotto è intervenuto nel corso del concerto di Filadelfia esprimendo grande orgoglio per la presenza di artisti così prestigiosi e capaci di valorizzare la cultura italiana. Scotto ha infatti sottolineato come spesso, purtroppo, l’Italia sia conosciuta all’estero attraverso cliches fuorvianti che non le rendono onore. Il mandolino, ha continuato il Console, è lo strumento simbolo dell’Italia ma è quasi sempre associato alla canzone popolare napoletana mentre pochi sanno che si tratta di uno strumento dalle origini nobilissime e di grande raffinatezza. La divulgazione della cultura italiana priva di luoghi comuni è tra gli obiettivi principali delle attività del Consolato Generale d’Italia a Filadelfia, fortemente impegnato nell’organizzazione di eventi che diano un’immagine positiva e moderna dell’Italia e del suo patrimonio culturale e artistico.