Il mito della “Pantofola d’Oro” anche a NY

M. Z.

"Made in Italy = qualità, stile e design". C’è chi ancora lo crede e a dimostrarlo è l’apertura a New York del multibrand store "King of Greene Street", inaugurato martedi 17 febbraio a Soho, in cui Pantofola d’Oro ha sfoggiato la sua maestosità, tra gli altri high-end brand del negozio.

Ad introdurci "la scarpa" Ivano Panetti e Marco Massini, due dei soci di Mcp - Mercurio Capital Partners (www.mercuriocapital.com), private equity newyorkese che lo scorso anno ha acquisito il 20% dell’azienda Pantofola d’oro, guidata da Massimo Ubaldi e Kim Williams, president e ceo del brand.

Il fondo d’investimenti servirà a rafforzare ed ampliare il raggio d’azione di Pantofola d’oro, marchio e azienda storica della calzatura di lusso sportiva. "Mercurio è anche il partner strategico e guida per l’espasione di PDO nei mercati internazionali con particolare attenzione a quello nord-americano. Il distributore USA di PDO è M5, lo stesso di Montclair, e siamo stati noi di Mercurio a trovare il shop-in-shop per PDO di King of Greene Street", ha dichiarato soddisfatto Ivano Panetti.

" PDO1" è l’ultima collezione di Pantofola d’Oro, frutto della collaborazione con Lapo Elkann, recentemente entrato a far parte nell’advisory board come brand consultant. Non a caso, si legge nel sito www.pantofoladoro.com, il prodotto di punta della collezione, "Allenamento ‘66", fu così chiamato nel 1966 da John Charles, bomber bianconero e pupillo dell’avvocato Agnelli.

Pantofola d’Oro è un marchio artigianale, convinto che il prodotto abbia un’anima, che la qualità sia il suo vero fondamento, capace di parlare al cuore dei più grandi atleti e campioni. Ogni scarpa viene realizzata rigorosamente a mano secondo una tradizione che risale al 1886. Una calzatura particolare, dunque, che racchiude in sé tutte le caratteristiche dell’opera d’arte. A testimoniarlo, il Certificato di Garanzia di unicità.