MOSTRE/METROPOLITAN HOME’S SHOWTIME HOUSE/ L’Elisir di vita di Angelica Bergamini

di Samira Leglib

Alle volte l'ispirazione arriva dai posti più impensati. Talvolta anche lo strano connubio tra design e network televisivi può dare buoni frutti. È il caso di Metropolitan Home's Showtime House, la casa di esposizione multimediale nata dalla collaborazione tra il magazine Metropolitan Home e il canale televisivo Showtime, che ha chiamato a sé sette dei più stimati designers a livello internazionale per affidare come musa ispiratrice ad ognuno di essi, alcune delle serie televisive di maggior successo. Da Dexter a Californication, da The Tudors a The L world, da Weeds a United States of Tara.

Nella raffinata cornice di Gramercy Park sta dunque andando in onda - e oggi è l'ultimo giorno aperto al pubblico- uno show che ha l'ambizione di unire televisione e design e il cui ricavato andrà a beneficio dell'organizzazione no-profit Happy Hearts Fund.

In una delle stanze adibite al progetto, quella ispirata alla serie Dexter -l'affascinante killer che secondo il principio di Robin Hood, ammazza solo i cattivi per salvare i buoni- vi troviamo Angelica Bergamini, formatasi tra Firenze e la Spagna, ad oggi residente a New York. Ha partecipato a diverse esposizioni sia in Italia che in Europa e in Cina. Alcuni dei suoi manufatti, gioelli dai materiali più originali, sono recentemente stati messi in vendita presso il New Museum di New York. Ma vogliamo farci raccontare direttamente attraverso le sue parole qualche cosa in più su questo ultimo progetto che prende il nome di Elixir of Life.

«Per me è stato un lavoro interessante prima di tutto perchè mi piace molto come lavora Amy Lau (una tra i sette designers prescelti, ndr). Riesce a fondere arte e design in quella che poi non è più una stanza ma uno spazio aperto a molteplici visioni.

Metropolitan Home's Showtime House ha unito designers e artisti con il pretesto di una serie televisiva e grazie ad esso si è creata, a mio avviso, un'esperienza interessante ed intensa per lo spettatore.

Io ero stata contattata in quanto molte delle mie sculture sono realizzate con il filo di nylon poi lavorato a maglia. Dexter (il killer protagonista della serie, ndr), avvolge le sue vittime con della plastica trasparente e questo è stato il punto di partenza. La mia installazione di 10x11 piedi ha richiesto 3 mesi di lavoro e 7km di filo da pesca. Le piccole vene con le quali ho ricreato un infinito flusso rosso di sangue, di vite (da qui il titolo Elixir of Life) sono realizzate con migliaia di perline di vetro rosso.

Sulla simbologia del colore rosso lavoro da diverso tempo ispirandomi ad antiche civiltà come quella celtica per la quale il rosso era sinonimo di morte e rinascita. In particolare, sono interessata a quello che Carl Jung definiva Inconscio Collettivo: una rete infinita di simboli, miti, archetipi.

Ora che l'esposizione volge al termine posso confermare che Dexter in the dining room per la maggior parte dei visitatori è stata la stanza più interessante grazie anche a una forte presenza di arte contemporanea. Il nostro tema comune riallacciandosi alla serie era: vita, morte, sangue. Due soli colori nell'intera stanza, il rosso e bianco. O trasparente come nel mio caso».

VISIT METROPOLITAN HOME'S SHOWTIME HOUSE

23 Gramercy Park South, New York, NY, 10003

Fino al 26 Ottobre 2008; aperto Sabato e Domenica dalle 11 am alle 4 pm.

Biglietti all'entrata: $25 Tutto il ricavato verrà devoluto all'associazione "Happy Hearts Fund".

Ingresso vietato ai minori di 12 anni.