EVENTI/ SERATA TRA BENEFICENZA E LUSSO/ “Settimo Senso”, prima tappa a Soho

di Olivia Fincato

Martedì 17 giugno presso lo "chiccossissimo" King of Greene Street, spazio incantevole nel cuore di Soho (76 Greene st), una serata all'insegna della solidarietà, spirito e bellezza femminile.

Non a caso il nome Settimo Senso, quasi a voler sottolineare quella propensione tipica di donna, quella tendenza femminina (che supera persino il sesto di senso) di voler capire, estendere, condividere e aiutare.

«Con Settimo Senso sto costruendo una rete "al femminile" fitta e affascinante, dove le donne si confrontano e si uniscono per cause nobili. Sono convinta che tra donne intelligenti non esiste la competizione ma la consapevolezza che insieme si possano realizzare molte più cose» dice Laura Rossi, fondatrice dell'omonima agenzia, Laura Rossi International, che si occupa di comunicazione aziendale integrata con particolar attenzione alla responsabilità sociale. E continua «Ho creato l'iniziativa Settimo Senso perché credo nello spirito femminile di collaborazione, con questo progetto ho cercato di coinvolgere donne nel mondo della moda e del cinema per sostenere cause sociali importanti. Siamo partiti da New York, per poi proseguire a Roma, Milano, Los Angeles, Parigi, Dubai, Londra e Mosca. Ad ogni appuntamento le ospiti, tra cui attrici, ambasciatrici, imprenditrici, sono invitate a donare un loro personale oggetto di lusso (abiti, accessori, bijoux, gioielli) che verrà poi messo all'asta, ogni volta a favore di una fondazione benefica».

A SoHo, prima tappa di questa iniziativa, la serata si è svolta a sostegno dell'Associazione Italiana Persone Down e della National Down Syndrom Society americana. Alle pareti del King of Green Street grandi scatti in bianco e nero ritraggono volti noti del cinema, musica e spettacolo tra cui Giorgio Armani, Raul Bova, Gianna Nannini e Michelle Hunzicher abbracciati ai bambini colpiti dalla sindrome di Down e sorridenti nel sostenere la causa sociale.

Durante la serata tutti gli oggetti personali donati dalle ospiti americane, portatori dunque di emozioni, ricordi e momenti intimi, verranno resi unici da un'etichetta speciale che ne racconterà la provenienza. In tal modo durante l'asta che si terrà il 12 Luglio 2008 a Forte dei Marmi le invitate italiane non solo potranno acquistare gli oggetti delle ospiti americane ma anche condividerne la loro storia. Grazie a Settimo Senso si creerà quindi una vasta e densa rete di donne unite delle loro storie e dai loro oggetti.

«Vera Montanari, direttrice delle riviste Grazia e Flair, ha donato a Settimo Senso una camicia che le aveva regalato Gianni Versace. Ogni volta che la indossava, le portava fortuna» rivela Laura Rossi mentre sta per iniziare l'attesa sfilata con gli abiti di Daniela Del Cima. La stilista italiana, infatti, per condividere e sostenere la causa, ha presentato e donato a Settimo Senso la sua nuova collezione: dieci capi unici d'alta sartoria italiana il cui ricavato andrà in favore sia dell'AIPS, Associazione Italiana Persone Down che della National Down Sindrome Society.