TEATRO SPERIMENTALE/ L'OPERA DI ALTOMARE E CRISPINO/ Ridefinendo arte e spettacolo

di Samira Leglib

Cosa sta tra il Teatro e l'Arte, se per amor di sottigliezza volessimo disgiungere le due cose, è il filo che unisce la serie di progetti interdisciplinari e di eventi che apriranno la nuova stagione di "Theaterlab". Il Teatro, concepito come una grande scatola bianca, diventa un luogo dove l'immediatezza e l'intimità dell'atto creativo diventano componimento teatrale.  Nato dall'incontro avvenuto dieci anni fa tra Carlo Altomare e Orietta Crispino, oggi "Theaterlab" inaugura un nuovo spazio:"The 14th Street Gallery Theater", dove la natura particolare e interdisciplinare che caratterizza i loro lavori sarà ancor maggiormente rappresentata. "C'è un'intrinseca e dinamica incongruità nell'idea che un'installazione artistica, che abitualmente puoi trovare in una galleria, possa essere mostrata in un teatro. Ti porta a porti delle domande, dei perché, che sono vitali per noi in quanto ci aiutano a ripensare al Teatro e alla sua funzione. Noi vogliamo aprire ed espandere la maniera in cui si è soliti pensare il Teatro e l'Arte", dichiara Carlo Altomare. A cominciare da "Appearance - A Suspense In Being", una performance esplicitamente dedicata al cuore della recitazione il cui "cuore", a sua volta, si ispira a una poesia di Octavio Paz che indaga il problema dell'essere, del Sé e dell'Altro.

Cos'è, dopotutto, che ci affascina nell'arte della recitazione? E' il sottile inganno attraverso cui l'attore cerca di convincerci che egli è qualcuno diverso da sé. Carlo Altomare, compositore, regista e produttore del teatro indipendente, è uno dei pochi esperti al mondo in Meyerhold's Biomechanics, particolare tecnica teatrale che si basa sulla conoscenza delle leggi meccaniche dell'organismo per ricreare in seguito la vita nell'azione, fino a trasgredirle in maniera creatrice facendo nascere una nuova vita scenica:"C'è un momento in cui l'attore esce dalla fase preparatoria, quella della valutazione  cosciente, guidata dal regista, in cui cessa di ‘montare' il proprio ruolo e finalmente fa piazza pulita di tutto, a briglie sciolte, crea liberamente" (V.E.Mejerchol'd).  Orietta Crispino è un'acclamata artista teatrale diplomata al Piccolo Teatro di Milano dove ha lavorato con nomi quali Giorgio Strehler e Massimo Castri. Dal 1991 è membro del Lincoln Center Directors Lab.

"Appearance - A Suspense in Being," an evening of Jazz Acting (World Premiere)

"14th Street Gallery Theater" : 137 West 14th Street, 2nd floor (between 6th and 7th Avenues)

6-17 Maggio 2008 da mercoledì a sabato ore 20; $20.

 Lo spettacolo riceve anche il sostegno dell'Istituto italiano di Cultura di New York.