Moda e stile

Moda italiana a Miami

di Elisabetta de Dominis

Il 2 aprile a Miami, nel prestigioso Village of Merrick Park in Coral Gables, s'inaugura il primo Blumarine Store d'America, di proprietà di Filippo Alzetta nato a Trieste 38 anni fa.

"Finiti gli studi in Italia - racconta a Oggi 7 - andai a lavorare in America nell'azienda di mio zio, la Daniele Prosciutti che, con la Citterio, è la più grande ditta di insaccati. E non ho più avuto voglia di tornare. Mi sono iscritto alla New School University di New York,  poi ho lavorato nel campo immobiliare e nella distribuzione di marchi di moda italiana. Nel frattempo ho sposato Helena, una bellissima venezuelana, e abbiamo avuto Riccardo e Camilla, perciò abbiamo deciso di trasferirci a Miami, dove crescere dei bambini è più facile".

Perchè hai pensato di aprire una boutique Blumarine?

"Con Anna Molinari, titolare del marchio, mia madre Adriana ha da molti anni un rapporto di lavoro, ma anche di stima ed affetto. Gli abiti Blumarine, inoltre, sono molto apprezzati sia dalla clientela americana che sudamericana".

Com'è l'arredamento?

"Un gioiello tecnologico con proiezioni oleografiche delle sfilate su cristalli posti al centro del negozio, oltre ad essere il più grande, bello e prezioso dei Blumarine Store. Disegnato come quelli di Firenze, Dubai, Bangkok, Montecarlo dall'architetta veneziana Elena Busato, è decorato con intarsi di cristalli Swarovski e lampade in vetro soffiato di Murano. L'effetto visivo è catalizzante per la luminosità dei materiali utilizzati, che vanno dalle pelli madreperlate dei pouf ai cristalli iridescenti dei tavoli, profilati d'acciaio. Rispecchia molto l'etereo stile Blumarine".