Storie

Sante Antonelli e il sito per conoscersi a Midtown e dintorni

di Elisa Calpona

State per trasferirvi a New York e vi spaventa l'idea che la metropoli possa disorientarvi per il suo incessante turbinio di luci ed eventi?  Chi può negare che la prima preoccupazione che assilla colui che si trasferisce in un nuovo contesto non sia di crearsi un ambiente familiare ed accogliente che sopperisca alla mancanza della famiglia o della patria nativa? Si comincia con la ricerca di un quartiere capace di soddisfare le esigenze della nostra frettolosa quotidianeità, si continua cercando di creare quella cerchia di conoscenze da approfondire in vista di un'amicizia.
Quando, come nel caso di New York City, i quartieri, così dispersivi, non consentono di intessere strette relazioni con il vicinato, i nostri cari italiani neoarrivati potranno precipitarsi on-line e digitare http://italian.meetup.com: scopriranno l'esistenza di innumerevoli persone accomunate da interessi affini e che per conoscersi usano il meet up degli italiani di Midtown!
Arrivata, infatti, anch'io da poco a Manhattan, mi sono imbattuta, tramite un caro amico americano in Italia, in quello che definirei una vera forza sociale: un gruppo che conta attualmente 630 persone accomunate da nazionalità italiana, origini lontane dello stivale o una forte passione per la nostra lingua e cultura.
"Questa network vi permetterà una naturale e repentina integrazione, offrendovi lo spunto per incontrare nuovi amici che vivono sul territorio americano da più o meno giorni, mesi ed in diversi casi anni" questo il commento di Sante Antonelli, organizzatore degli eventi dei membri degli Italian enthusiast dal gennaio 2006. "La soddisfazione più grande è di poter aiutare i miei connazionali appena arrivati, immedesimandomi nella mia vicenda personale, quando alla tenera età di dodici anni arrivavo qui negli Stati Uniti con la mia famiglia, completamente sradicato dalla mia realtà", ricorda chi oggi rende possibile l`incontro dei nuovi arrivati. Innumerevoli persone di ogni età ed occupazione sono, infatti, disposte a creare un ponte Usa-Italia per ammortizzare gli effetti della distanza, parlando italiano, frequentando aperitivi, andando al cinema o teatro.
"Le mie origini mi reclamano! Sono pronto a lanciarmi in una nuova avventura e testare la mia italianità. Troppe vicissitudini si sono frapposte tra me ed il mio paese ed ora mi considero pronto ad azzerare il tempo e le distanze e a trasferirmi a Roma. Comincerò una nuova vita, ma non preoccupatevi mi preoccuperò del passaggio del testimone cosicché il meet up possa continuare ad esistere ed a coinvolgere i newyorkers d'hoc ed anche quelli d'adozione!"
A questo punto si inserisce nella nostra conversazione Kamila Mysiak, 28 anni, polacca, ma estremamente legata allo stivale e sorprendentemente padrona della lingua: "È da nove mesi che partecipo agli incontri del meet up, che mi hanno permesso di migliorare il mio italiano, da me appreso come autodidatta, ed in particolare di dedicarmi agli altri con una scadenza settimanale. E' un'aspettativa che ti da lo stimolo di sopportare la settimana lavorativa, offrendoti uno spiraglio di evasione da condividere con amici accomunati dalla stessa passione.  Per chiunque voglia avventurarsi in Italia per la prima volta esiste un ricco abecedario messo a disposizione dai membri del meet up a secondo delle loro precedenti esperienze. Io, ed altri 5 amici cercheremo di sopperire alla partenza del caro Sante organizzando un evento ogni primo venerdì del mese, oltre a due incontri extra con scadenza quindicennale, tentando di pubblicizzare eventi sportivi o musicali che portano il segno del made in Italy!"
Alla mia impertinente domanda su cosa ancora manca al meet up, Kamila ci responde "uno sponsor italiano che ci permetta in ogni incontro di presentare la cultura dello stivale in America. Non occorre che io ricorra ad un esempio, data la ricchezza del repertorio italiano: dopo tutto a chi dispiacerebbe intrattenersi in chiacchiere degustando qualche specialità regionale?!"
Augurando di aver catturato l'attenzione dei nostril cari lettori e di poter riuscire a prenderli per la gola, speriamo di vedervi in molti al meet up di Mid Town, perché se l'uomo è per defizione un "animale sociale", per tutti i curiosi si sta presentando l'occasione di scoprire un microcosmo tutto all`italiana!