Eventi

"Revisiting Garibaldi" all'Italian American Museum

di Silvia Forni

 Le divise e le armi del "39th NY State Volunteer Infantry Regiment"

 

l 2 ottobre è stata presentata all'Italian American Museum (c/o Calandra Institute at 28 west 44 st 17 floor), un'altra mostra dedicata a Giuseppe Garibaldi, la quale anche questa entra a far parte del mese della cultura, che celebra il duecentesimo anniversario della nascita del grande eroe. Con Anthony Dilluvio, il curatore della mostra, a presentarer la mostra Joseph V. Scelsa, presidente del museo, Philip F. Foglia, vice presidente esecutivo del museo, e anche il nuovo console generale d'Italia a New York Francesco Maria Talò. La mostra è una collezione di artefatti appartenenti a Garibaldi e in parte al "39th New York State Volunteer Infantry Regiment". La collezione rimarrà aperta al pubblico fino al 21 novembre 2007. Dilluvio spiega che "questa inusuale ed unica esibizione celebra e commemora i volontari ed immigrati che hanno combattuto per l'Unione durante la Guerra Civile Americana. Questi soldati erano un gruppo di menti indipendenti ed individui inspirati e motivati dall'esempio del loro eroe, il Generale Giuseppe Garibaldi. Molti venivano dalla parte del Lower East Side di Manhattan e altri erano veterani della rivoluzione fallita del 1848-1849 in Italia, Austria, Berlino, Varsavia e Parigi. Ciò che tutti loro avevano in comune è il fatto che facevano parte della classe lavoratrice, legata all'amore per la libertà, la giustizia e alla visione dell'America come un Paese democratico". Molti dei "pezzi" messi in mostra sono in perfette condizioni di conservazione, in particolare la spada, il fucile "calibro 58 Mississippi Riflet Musket", il cartellino ID di identificazione personale, sono materiale di estrema importanza, parte di una storia, quella di Garibaldi, che ha cambiato la vita di molte persone.