Eventi

Il progetto ItaloAmericana

di Stefano Vaccara

La crema degli intellettuali italo americani si è data appuntamento mercoledì 26 settembre alla Century Association di Manhattan per celebrare il volume "ItaloAmericana II" di Francesco Durante e per sostenere l'"ItaloAmericana Project", cioè la promozione della  traduzione e la pubblicazione di questa monumentale antologia negli Stati Uniti. Robert Viscusi, Professore di Letteratura al Brooklyn College e President of the Italian American Writers Association, presentando l'autore ha definito l'opera di Durante "straordinaria e indispensabile per chiunque voglia studiare la letteratura degli italoamericani".  Francesco Durante, il giornalista della "Gazzetta del Mezzogiorno" e autorevole storico appassionato della cultura e letteratura italoamericana,  incredibilmente capace di raccogliere in un'opera quegli scritti letterari che rispecchiano l'anima della cultura italiana in America. Alla fine della serata, Durante è apparso molto emozionato, a tratti commosso dall'accoglienza ricevuta dagli autori contemporanei della cultura italoamericana accorsi a sostenere la sua opera. "Questa sera" ha detto, "sto vivendo uno dei momenti più belli della mia vita".

Pubblicato in Italia nel 2005, il volume ItaloAmericana II raccoglie gli scritti in italiano pubblicati dagli emigrati in America nel periodo tra il 1880 e il 1943. Composto dalle voci scritte della prima generazione di emigrati, il volume contiene poesie, opere teatrali, memorie, racconti,  articoli giornalistici e altro ancora ma che in maggior parte non è mai stato tradotto in inglese e che pur rappresentano la base del mondo letterario italoamericano.

Viscusi ha informato i presenti che sarà la Fordham University Press ad assumersi il compito di pubblicare una autorevole edizione inglese di questo capolavoro di 500 mila parole raccolto da Durante. "Il campo degli studiosi di studi italoamericani sta crescendo negli Stati Uniti" ha detto Viscusi, "ma finora si era concentrato esclusivamente sul lavoro scritto in inglese. Ma c'é un'altra, egualmente vitale tradizione degli scritti italoamericani in italiano. Con l'edizione inglese di ItaloAmericana, lo studio della cultura italoamericana beneficerà di una più grande e profonda comprensione della sua stessa storia".

La serata è stata importante ma anche divertente e a tratti commovente. Infatti subito dopo le introduzioni, si sono avvicendati per "The readings", prima Francesco Durante, che ha letto la traduzione in inglese di un passaggio della poesia di Eduardo Migliaccio (detto Farfariello) ‘O cafone c'a sciammeria' ("Cafone with Tails"). Dopo di lui il noto giornalista, columnist e scrittore Pete Hamill ha letto "Son of Italy", dalle memorie di Pascal d'Angelo. Poi è stata la volta del poeta Joseph Tusiani che ha letto la poesia di Onorio Ruotolo "Nel Parco della Union Square" e di Arturo Giovannitti la "Nenia Sannita". Il pubblico attentissimo, è apparso emozionato anche dalla performance dei tre lettori.

Alla fine il dibattito e i commenti sull'opera e sull'organizzazione della traduzione condotto da Robert Oppedisiano e Robert Viscusi. Tra il pubblico noti professori e autori del mondo culturale e artistico italoamericano, tra i quali abbiamo notato Anthony Julian Tamburri (Dean del Calandra Insitute), Fred Gardaphé, già professore di studi italoamericani alla Suny Stonybrook  e presto della Cuny che su ItaloAmericana ha dichiarato che nessuna antologia aveva prodotto "una così ricca visione storica o una così ben documentata collezione delle voci importanti dall'Italian America. Questa importante scoperta ridefinisce Italian America".  E' intervenuta anche Renata Sperandio, dell'Istituto Italiano di Cultura di New York, che ha detto che per quanto riguarda l'aiuto delle istituzioni italiane sul progetto di traduzione "assolutamente, per un opera così fondamentale, non ci saranno problemi".  Tra gli studiosi, letterati e artisti e altri supporter dell'opera di Durante che hanno partecipato: B Amore, Josephine Gattuso Hendin, Peter Caravetta, Mary Jo Bona, Sthepen Boatti, William Arnone, Thomas Ferraro, David Ferriero, Harriet Cooper, Sthepen Boatti, Marcella Luiso, Daniel Healy, Lucille Maffia, Richard Mattiaccio, Car Morelli, Robert Oppedisano, James Periconi, Bernice Riccio, Frederick Shaffer, Laura Baudo Sillerman, Maria Tamburri, Bill Tonelli, Anthony Viscusi, Enzo Viscusi, Margo Viscusi, Nancy Viscusi, Wanda Wooten.