Teatro

L'anticipazione newyorkese di "Emmanuel God with Us"

di Chiara Zamin

E' stato presentato a New York un assaggio di quello che a fine anno diventerà un musical vero e proprio. Al "Dicapo Opera Theatre"...

... sulla 76th Street , all'angolo con Lexington Avenue, si sono potute ascoltare, mercoledì scorso, le magnifiche voci di alcuni dei protagonisti dello spettacolo. "Emmanuel God with us" è la rappresentazione musicale e teatrale di alcune parti della vita di Gesù, in particolare è centrato sulla resurrezione e sui 40 giorni che Cristo ha trascorso in terra prima di ascendere al Cielo. Lo spettacolo, in fase di lavorazione da due anni, è prodotto da un ex tenore lirico italiano e produttore discografico, Arnaldo Lombardo.

 "Abbiamo voluto dare una sorta di anteprima per incuriosire la gente e invitarla a vedere il musical che verrà portato a fine anno a Broadway e a Toronto. L'idea - prosegue Lombardo - è quella di dare maggiore rilievo al tema della resurrezione, che per molti credenti e non, rimane uno degli aspetti della vita di Gesù meno conosciuti".

Non c'è nulla di inventato e reinterpretato in Emmanuel , tutto è attinto dai vangeli e dall'opera della rinomata scrittrice religiosa Maria Valtorta. La compagnia vanta talenti giovanissimi, laureandi alla York University di Toronto, alcuni italo-americani altri americani scelti nel corso di selezioni avvenute a New York e in Canada. Il protagonista, Gesù, interpretato da Stephen, è un ventisettenne italo-americano che ha studiato musica classica e lirica, con il maestro Lorenzo Malfatti.

La sua voce è grandiosa; sale da note centrali e profonde fino ad intensi e potenti acuti. E' senz'altro la prima cosa che balza all'orecchio guardando e ascoltando questa prima esecuzione. Anche gli altri personaggi del cast, come Maria, Maddalena, Pietro, hanno saputo dimostrare con la loro voce una certa caratterialità.

Allo spettacolo di mercoledì non vi è stato un accenno delle coreografie dei balletti, nè delle scenografie. Poche anche le parti recitate, anche se lo spettacolo che verrà eseguito verso la fine dell'anno, prevederà  tutti gli aspetti che compongono un musical. "I balletti" - precisa il direttore artistico, Lombardo- "saranno concentrati soprattutto nelle parti in cui si rappresenterà la resurrezione".

Il progetto musicale "Emmanuel God with us", vede la collaborazione di diversi artisti e produttori.

Sabatino Vacca e Floydd Ricketts sono i direttori musicali. Tra gli autori figurano, due americani di Cincinnati, Janet Vogt e Mark Friedman, Monsignor Marco Frisina, compositore liturgico per il Vaticano e compositore di colonne sonore per la serie di film tv sulla Bibbia, Olivero Lacagnina,  e Stephen (Gesù)  che collabora anche a  livello organizzativo e artistico e nella scrittura delle liriche poetiche per alcuni brani dello spettacolo.

Il cast del musical che si prevede debutterà a Broadway e a Toronto, dove fra l'altro questa anteprima ha riscosso un grande successo tra il pubblico, sarà composto in  tutto da 50 artisti, tra attori, cantanti e ballerini e verrà diretto da un regista di tutto rispetto, Ian Michelini, assistente alla regia nel film "la Passione" di Mel Gibson.