Storie

Bocce, passione “very cool”

di Gianluca Taraborelli

Se al paese lo venissero a sapere sono certo che non la smetterebbero più di ridere e la notizia farebbe in breve il giro della piazza fino al circolo degli anziani. Chi avrebbe il coraggio di spiegare che l'ultima moda...

...tra i giovani a New York è proprio l' antico gioco delle bocce?

Mentre da un lato dell'oceano la battaglia si inasprisce giorno dopo giorno nei consigli comunali ed i comitati per gli anziani si mobilitano per ottenere strutture più moderne ed adeguate, dall'altra parte del mondo il gioco delle bocce viene eletto a passatempo preferito tra i giovani "hipsters" della città.
Tutti sono in grado di giocare, le regole sono semplicissime ed è l'attività ideale da praticare durante le calde serate estive newyorkesi.
Considerato una sorta di versione italiana del bowling, il gioco delle bocce spopola da qualche mese nei parchi cittadini e nei cortili delle case della Grande Mela.

Esistono innumerevoli varianti alle regole di questo sport soprattutto per quello che riguarda il numero di giocatori, tuttavia la situazione più ricorrente è quella di partite che vedono contrapposte due squadre composte da due atleti. Secondo il regolamento ogni giocatore è chiamato a  lanciare la sua boccia alternativamente al giocatore della squadra avversaria. L'obiettivo del gioco è quello di avvicinarsi il più possibile ad una boccia di dimensioni più piccole, detta boccino o pallino. I lanci usati nella maggior parte dei casi sono di due tipi: lancio di avvicinamento e lancio di bocciata. Il lancio di avvicinamento è un tiro di precisione ed ha come scopo quello di far giungere la propria boccia il più vicino possibile al boccino.
Il lancio di bocciata (o di spazzata) è un colpo al quale viene impressa maggiore forza ed ha come finalità quella di colpire una o più bocce avversarie con l'intenzione di allontanarle dal boccino.

Portato originariamente negli States dagli immigrati italiani, il gioco delle bocce si sta progressivamente affermando come una delle ultime tendenza giovanili, al punto che il mese scorso si sono tenuti i primi veri tornei indoor, che hanno ottenuto centinaia di adesioni raccogliendo un successo inaspettato.

Secondo quanto riportato dal New York City Department of Park and Recreation la città vanta ben 44 campi da bocce sparsi sull'area dei 5 Boroughs. A differenza dei bocciodromi italiani, a New York godono di maggior diffusione per lo più i circoli bocciofili indoor, integrati all'interno di club o bar. Tra i più popolari ed affollati bar c'è il FloydNY situato in 131 Atlantic Avenue tra Brooklyn Heights e Carrol Gardens e Union Hall, 702 Union Street e 5th Ave a Park Slope.

Il prossimo appuntamento per gli amanti della disciplina è fissato dal 20 al 22 luglio a Rome, New York dove si terrà il World Series of Bocce per squadre da 4 giocatori.

Per Jim Carden, direttore del Union Hall Bocce Club di Park Slope e fondatore del FloydNY di Brooklyn, il successo va individuato nella semplicità del gioco e nel fascino disteso e pacato suggerito dai movimenti dei giocatori. "Delle bocce ricordo le estati a New York, tanti anni fa, quando passavo interi pomeriggi a guardare questi anziani venuti dall'Italia giocare interminabili partite, discutere per ore, misurare la distanza delle bocce dal pallino. Solo una volta terminate le sfide tra gli adulti a noi bambini era concesso raccogliere le bocce e giocare".

Molti locali dotati di giardino hanno allestito dei campi per permettere ai clienti di giocare . "E' l'attività ideale di sera, non richiede alcun impegno ed è uno sport considerato molto chic".